• AGGIORNAMENTO ORDINARIO IN CORSO...

    Sito disponibile a breve

    Due come noi – note di regia

    loandina due come noi senza nomi
    Note di Testo:

    Leo e Giorgia sono due adolescenti molto diversi tra loro; li accomuna la relazione sentimentale tra il padre dell’uno essay writer e la madre dell’altra essay writing service help e il frequentare lo stesso istituto; Leo è timido e introverso e passa i pomeriggi a giocare a the Sims mentre Giorgia, esuberante e disinvolta, è sempre in rete a chattare e ad allungare la sua lista di “amici” virtuali. Per entrambi, anche se in modi diversi, la rete è l’unico luogo dove si sentono davvero liberi.

    Quando Leo quasi per gioco pubblicherà un blog anonimo, destinato a diventare uno dei più visitati, questo evento porterà nella vita sua e degli altri personaggi un radicale cambiamento.

    L’intento di questo lavoro teatrale e di far riflettere sull’utilizzo della rete svelando non solo il grande potenziale positivo di questa invenzione ma soprattutto sottolineando i lati oscuri che la rete stessa può celare…… Oltre al valore della vera amicizia e all’importanza di comunicare dal vivo.

    Note di Regia:

    C’è una rete che informa, educa e avvicina le persone ma c’è anche una rete che diseduca, male informa e soprattutto cela pericoli.

    I nostri giovani protagonisti sono entrambi dei veri e propri argonauti -per definizione moderna degli assidui utilizzatori della rete- e seppur in modo differente scopriranno loro spese cosa significa essere vittima e carnefice dell’invenzione più libera di quest’ultimo ventennio.

    Il testo, scritto in chiave brillante, mette in scena i rapporti tra i vari personaggi come, oltre ai due adolescenti protagonisti, i loro genitori, il professore di italiano e il personaggio comico del bidello della scuola, con un intreccio di relazioni che, scena dopo scena, metteranno in evidenza la valenza dei rapporti personali, della comunicazione, del rispetto dell’altro e in ultimo ma non meno importante del linguaggio utilizzato.

    Un lavoro originale, sia nelle musiche che nel testo, dove l’alternanza tra il mondo virtuale e quello reale rende lo spettacolo di facile fruizione per il giovane pubblico a cui si rivolge.

    Il messaggio che si intende veicolare è che i sentimenti degli affetti non possono essere limitati alla “connessione” ma che la crescita dei rapporti umani si basa soprattutto sul sentire con tutti i sensi la persona che abbiamo di fronte.

    Durata 1 ora e 15

    Testo regia e musiche di Chiara Colombo

    h

    %